IL BICITIME SI RITROVA A BRINZIO ED E’ FESTA

Chiudiamo questa difficile annata facendo gruppo ed “offrendo” ai bikers amanti dell’XCO una prova spettacolare su un percorso che ha entusiasmato i presenti, con un’organizzazione all’altezza della fama del Gran Prix Valli Varesine e riuscendo a far passare in secondo piano i non pochi problemi causati da un inaspettato ed irrisolvibile problema con tappetini e chip del servizio di cronometraggio.

Ketty (Sorrentino) e Morena (Guerini), cominciano da loro i miei ringraziamenti (da presidente), presenti fin dall’alba hanno dapprima sopportato il freddo e qualche incomprensione con il presidente di giuria (non proprio di quelle che ti mettono a tuo agio…) o con qualche atleta per il Green Pass per poi rimboccarsi le maniche e gestire autonomamente con eccezionale capacità le iscrizioni prima della gara e la distribuzione dei prodotti Named a fine gara. Grandissimi Luigi (Rovera) e Peppe (Sorrentino) indispensabili per la gestione del percorso e dei presidi sullo stesso con l’aiuto del generosissimo Stefano (Barchi) e di Walter (Pulze) ma in tanti siete stati spettacolari anche nella preparazione della gara fin dal week end precedente, aver potuto contare su una “consistente e capace forza lavoro” ci ha consentito di allestire un percorso “progettato” nei particolari e curato in tutti i dettagli, grazie a Luigi, Peppe, Gek, Gianni, Ale, Andrea, Sergio, Renato e Maryann (spero di non aver dimenticato nessuno) siamo stati ricompensati con i “sorrisi di apprezzamento” ed i complimenti dei partecipanti, doveroso sottolineare anche l’indispensabile ruolo di supervisore e fattivo collaboratore dell’immancabile Claudio Contini. I ringraziamenti sono estesi anche a tutti coloro che hanno preso parte alla gara o ci sono stati vicino con messaggi di disponibilità e a chi ci ha anche solo pensato magari rattristandosi per non poter essere d’aiuto, sentire tanto attaccamento al Team, nonostante la pandemia ed il “distacco sociale” che ne è conseguito, è stato veramente gratificante.

Doveroso anche un grosso abbraccio e ringraziamento agli amici dello Sci Nordico Varese e del Centro Fondo Brinzio che oltre a metterci a disposizione le loro strutture (e non solo) hanno collaborato fattivamente nell’individuazione e realizzazione del percorso nonché al presidio dello stesso durante la gara e all’Associazione Carabinieri in Congedo della sezione di Varese (indispensabili per la gestione della strada chiusa al traffico), alla Coordinatrice Regionale FCI del settore fuori strada Claudia Bonfanti (fondamentale nella “gestione del rapporto” con la Presidente di Giuria), al “nostro” Gianlu ed a tutti gli Atleti e Dirigenti presenti capaci di rivolgersi a noi organizzatori sempre con rispetto ed il sorriso aiutandoci a prendere “decisioni difficili” con serenità.

Per questa volta non avrei voluto parlare della “gara agonistica” ma alcuni risultati mi obbligano (non me ne voglia chi non citerò), su tutti l’ennesima affermazione di Carlo (Morandi) ma questa volta particolarmente sudata vista la presenza del forte atleta del Team comasco Bici-Bike Gian Michele Pasinelli, dopo oltre 4 giri ruota a ruota Carlo ha dovuto “consumare la riserva” sulla prima salita dell’ultimo giro per staccarlo e poi dare tutto fino all’arrivo dove è stato un piacere vederlo arrivare primo in solitario; spettacolare anche Chicco (Giani) in fuga fin dal primo giro non ha mai mollato neanche quando il distacco sul secondo era più che rassicurante rischiando, però, di “buttare alle ortiche” la vittoria sull’ultima discesa dell’ultimo giro che lo ha visto protagonista di un “360” spettacolare, ma doloroso, per aver agganciato una radice con il pedalino. Importe secondo posto per Sergio (Brillo) che si “gioca” la vittoria nel Gran Prix con Frizzelli (terzo), 2° posto anche per un ritrovato Renato (Lucherini) tornato ai livelli degli anni scorsi e per Maryann seconda sola alla Campionessa Europea e Mondiale Master XCO Karin Tosato, infine onore ad Angelo Riccardi che con il meritatissimo 3° gradino del podio (alle spalle di due mostri come Morandi e Pasinelli) ha chiuso alla grande una stagione indimenticabile che lo ha visto sempre protagonista.

I commenti sono chiusi.